ALLA SCUOLA DEL PADRE

San Vincenzo Pallotti prega per noi
ALLA SCUOLA DEL PADRE

Vogliamo iniziare a far nostro il pensiero dell’amato Fondatore, soffermandoci sui suoi insegnamenti che scaturiscono dalle sue lettere.
Quest’insegnamento è un consiglio che ha dato a Suor Maria Gertrude Costantini Sales, e si trova nelle OOCC XI, pp. 300 -01.

San. Vincenzo consiglia Suor Maria Gertrude:
"Avanti, o prima, della Comunione mediti i seguenti punti" :

1. Dio potenza per essenza visita personalmente chi può dirsi debolezza per essenza;
2. Dio sapienza per essenza visita chi può dirsi ignoranza per essenza;
3. Dio bontà per essenza visita chi può dirsi malizia per essenza;
4. Dio giustizia per essenza visita chi può dirsi ingiustizia per essenza;
5. Dio misericordia per essenza visita chi può dirsi crudeltà per essenza;
6. Dio purità per essenza visita chi può dirsi impurità per essenza;
7. Dio santità, e perfezione per essenza visita chi può dirsi imperfezione per essenza.”

Poi, dopo la Santa Comunione, le consiglia di contemplare :
“ Dio fatto uomo ci nutre:
1. Con la sua potenza infinita;
2. Con la sua infinita sapienza;
3. Con la sua infinita carità;
4. Con la sua infinita giustizia;
5. Con la sua infinita misericordia;
6. Con la sua infinita purezza;
7. Con la sua infinità, e perfezione.

(Poi aggiunge una nota “Non si tralascino i consueti atti di ringraziamento”).

Vincenzo condivide con lei qualcosa della dinamica della sua vita spirituale; una consapevolezza acuta della sua debolezza umana, della sua peccaminosità, e poi della sua convinzione che Gesù, il Figlio di Dio fatto uomo, viene personalmente a noi nella Eucaristia e, nella Eucaristia, ci nutre e ci alimenta; con quest’attività egli opera la sua missione salvifica, formandoci e trasformandoci progressivamente.
********

Per conoscere la spiritualità di San Vincenzo Pallotti,
dobbiamo iniziare ad accogliere i suoi consigli.
Impareremo a camminare e crescere nella conoscenza di Gesù.
All’inizio sarà un po’ difficile, poi non ne potremo fare a meno.
Proviamoci e vedremo l’opera di Dio in noi.